A lezione

Due o tre volte all’anno le scuole elementari e medie giapponesi lasciano che i genitori assistino alle lezioni dei propri figli. Di solito vengono fatti sedere in fondo alla classe così hanno l’opportunità di vedere non solo come si comporta il proprio pargolo ma anche di vedere che tipo di lezioni vengono fatte dai professori. Alla scuola elementare di solito … Continua a leggere

Finalmente è arrivato

Il 20 di dicembre dello scorso anno ai miei genitori avevo spedito un pacco con degli Hokron (delle bustine che si attaccano ai vestiti e tengono caldo per circa 8 ore ) da mettere anche nelle scarpe perché a Venezia l’inverno è molto rigido. Pensando che arrivassero agli inizi di gennaio, non vedevo l’ora di sentire i miei per conoscere … Continua a leggere

Tanti messaggini – pizza e gelato al cioccolato

Finalmente sto imparando a usare il telefonino. Fin’ora non lo avevo usato per mandare le e-mail (in Giappone gli sms sono quasi sconosciuti ) . Ne ho mandati piu` di dieci agli amici che stanno imparando l’italiano. Ovviamente ho scritto in italiano con la speranza che qualcuno mi risponda.   Le lezioni all’universita` sono finite, tutte le ragazze erano contentissime … Continua a leggere

Kyoto con la neve

Da ieri faceva molto freddo e questa mattina si è visto un inizio di neve e durante il pomeriggio la neve si è fatta fissa. Ero in bici così sono riuscito a prendere qualche foto. Vedremo domani mattina come Kyoto si presenterà, se con il suo solito colore grigio scuro oppure un bianco smorto o allegro sotto il sole. Elena, … Continua a leggere

Jump

Elena ogni lunedì non vede l’ora di leggere il settimanale di fumetti “Jump”. Tra quelli preferiti ci sono: Naruto One piece Bleach Ryouzu Kankichi Li leggo anch’io e questa settimana ho trovato una parte di conversazione che mi ha colpito. In giapponese fa: hito wa daremo ga onore no cishiki ya ninshiki ni tayori shibarare ikiteiru, sore o genjitsu to … Continua a leggere

Il grande granchio

Come ieri, anche oggi Elena si è voluta riposare, così ne ho approfittato e sono andato a fare una camminata di mattina presto fino a un tempio vicino a casa. Si chiama Imamiya jinja. Al ritorno sono passato da mia suocera, si era appena svegliata e aveva ancora gli occhi che cadevano dal sonno. Da tre anni, dopo la morte … Continua a leggere

Elena è tornata a casa

stanchissima ma contentissima di aver potuto sciare per la prima volta. ”Nevicava ogni giorno e i ragazzi si divertivano lanciandosi palle di neve e buttandosi sulla neve per lasciare l’impronta del proprio corpo …”. Mi ha detto che ha mangiato bene: colazione continentale, cena stile giapponese, ma fuori dell’albergo non c’era nulla, nemmeno un negozio. Ogni mattina si è svegliata … Continua a leggere

13 anni

Oggi 17 gennaio e` il giorno in cui 13 anni fa accadde il grandissimo terremoto ( chiamato Kansai dai shin sai) che rase al suolo una gran parte di Kobe e uccise piu` di 6 mila persone. Allora il sisma a Kobe fu` di magnitudine 8 a Kyoto del 5.5 poco prima delle 6 del mattino. Elena aveva circa 8 … Continua a leggere

Secondo giorno

Stamattina stavo quasi per dimenticarmi di portare fuori il sacco con le bottiglie di plastica, anzi me ne ero proprio dimenticato e quando ho sentito il rumore del camion che veniva a prenderle sono balzato di corsa in veranda, ho afferrato due sacchetti pieni pieni di bottiglie di plastica e sono corso giù per le scale. Il camion era dall’altro … Continua a leggere

I proverbi

Adesso che mia figlia si trova a Toyama mi sento un po’ solo in casa. Cosi` ho cercato di trovare conforto in qualche proverbio giapponese e italiano. Sara` a causa della mia situazione attuale ma sono riuscito a ottenere veramente una puntina di conforto, anche se piccola. Come padre sento la necessita` molto forte di proteggere mia figlia, soprattutto adesso … Continua a leggere