Ancora Honenin

Di solito il venerdì faccio giornata piena, esco di casa alle otto di mattina e torno a casa alle dieci. Purtroppo non posso mangiare molto perché non voglio portarmi dietro la verdura così mangio solo qualche mandorla o nocciola, quando ci sono. Bevo comunque tanta acqua e cerco di respirare profondamente. Alla sera arrivo a casa sempre “heto,heto” ( stanchissimo … Continua a leggere

Il viale segreto

Non è poi così tanto segreto ma preferisco pensare che lo sia. In primavera il verde degli alberi fa fermare le persone facedole stare a bocca aperta; in estate è tutto troppo rigoglioso ma il contrasto con il cielo blu dà un attimo di pace; in autunno è di fuoco, quasi come una fornace in piena attività. Così si è … Continua a leggere

La cartolina e le studentesse

Questa idea mi gironzolava per la testa da molto tempo. Che fare? Gliela do o non gliela do? Uno straniero, o forestiero che sia, che si avvicini a una studentessa può anche essere preso per un delinquente se non peggio, per un assassino. Purtroppo accadono fatti sconcertanti come quello del sessantenne che uccide una ragazza di sedici anni o come … Continua a leggere

Molti turisti

Anche oggi è stata una giornata “normale”. Nanzenji, Ghion e molti turisti. Arrivano in pullmann e girano per la città con le macchine fotografiche. A Nanzenji molti uomini, forse pensionati, andavano in giro con il treppiedi e si spostavano a branchi. Quando uno trovava un posto interessante allora tutti lo seguivano, c’erano così tanti treppiedi che non si poteva neanche … Continua a leggere

La pensione, la sanità e un sorriso

Come ogni fine mese, anche oggi sono andato all’ufficio postale per pagare le tasse mensili della pensione e della sanità. Entrambi crescono di anno in anno sebbene non mi ammali e l’età pensionabile sia ancora lontana. Sono entrato, ho estratto dal distributore automatico di biglietti il numero 219 e mi sono seduto aspettando la chiamata della gentile impiegata. Questo rituale … Continua a leggere

Il gatto e la scimmia

Questa mattina al posto di andare verso Ninnaji che si trova a ovest da dove vivo, mi sono diretto verso la parte opposta, dove si trova il Ghinkakuji, o padiglione d’argento. Il mio obbiettivo era Hounen-in, il cui giardino interno è molto bello specialmente in questa stagione. Faceva freddo ma nulla di insopportabile. Ci sono arrivato in circa trenta minuti … Continua a leggere

Canon

Questa mattina sono partito per Osaka per partecipare alla presentazione della nuova macchina fotografica della Canon. Appena arrivato alla stazione della linea provata Hankyu, mi sono fermato perché davanti alle biglietterie automatiche c’erano delle file lunghe trenta persone e passa. Che fare? Cercando una soluzione mi sono ricordato di un negozio che vende biglietti a basso prezzo. Alla fine sono … Continua a leggere

Soukokuji

Giornata un po’ lunga e fredda con spazzi di raggi solari qua e la in città. Il centro è sempre affollato di turisti ma di europei se ne vedono e sentono pochi a causa del deprezzamento dell’euro nei confronti dello yen. Vicino a dove abito, tra le strutture universitarie dell’università Dooshisha, si trova la strada che porta al complesso di … Continua a leggere

Una trottola

Sono andato in giro per Kyoto a piedi e in bicicletta e mi sentivo proprio come una trottola che girava e girava su se stessa senza essere capace di fermarsi. Avevo in testa di fare quante più foto possibile se il cielo fosse stato terso. Infatti oggi lo è stato. Questa mattina sono partito di casa per Ninnaji, a piedi, … Continua a leggere

Duemila yen ( seconda parte )

Il freddo di questa mattina forse ha segnato il cambiamento improvviso della stagione. Il vento si è fatto più forte e le nuvole in cielo corrono più velocemente del solito. Per le strade le foglie rosse e gialle, cadute sulla strada, creano dei piccoli vortici mentre le ramazze nei templi hanno trovato pane per i loro denti.  Ieri, guardando le … Continua a leggere