Il barbiere

a765a741eaa0a583ca89fea1aefb1de2.jpgVivo a Kyoto da circa 16 anni e fin’ora sono stato da tre barbieri. O meglio, quattro.

Mi ricordo i due barbieri, proprietario e aiutante, che lavoravano insieme vicino all’appartamento dove abitavo. La prima volta che sono entrato non potevo capire nulla di quello che dicevano ma spesso mi invitavano comununque a rimanere dopo il taglio di capelli. Mi offerivano il tea e mi hanno anche insegnato un po’ a giocare a igo. Quando ci andavo, la moglie del proprietario mi salutava sempre con un grande sorriso e mi invitava a passare un po’ di tempo con loro. Dopo due anni, quando potevo almeno esprimermi alla meno peggio mi sono dovuto trasferire e da allora non ci sono più andato. Chissà che fine hanno fatto.

Il secondo barbiere, ormai potevo capire ed esprimermi abbastanza bene in giapponese, era simpatico ma molto, forse troppo, silenzioso. O pensava che io non parlassi la sua lingua oppure era il suo carattere. Sono propenso per il secondo. La moglie era sempre nervosa e dominava l’atmosfera purtroppo sempre troppo tesa. Avevano deciso di rimodernare la casa, il cui negozio era al primo piano, così mi sono dovuto cercare un altro barbiere e sono approdato al signore nella foto.

Simpaticissimo, pieno di vita, scattante, sorridente, curiosissimo. Abbiamo fatto subito amicizia. Ormai riuscivo a capire tutto quello che mi si diceva, anche nel dialetto di Kyoto, e forse per questo siamo riusciti a capirci quasi subito. Non ci siamo mai detti il nostro nome ma conosciamo un po’ delle rispettive famiglie. Lui è un nonnetto con una nipote. Quando lei lo va a salutare, lui va in giuggiole e sorride come un matto “Hai visto che bella che è?”. A parte la famiglia, mi racconta spesso di cosa pensa di Kyoto, delle persone che vivono li vicino e anche di quello che fa durante le tante brevi vacanze che ci sono in Giappone. Per mettere questa foto gli ho chiesto il permesso. È sempre un piacere andarci. Grazie!!!

Il barbiereultima modifica: 2008-02-20T15:08:03+01:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo