Ikebana ( prima parte )

1860218031.jpgIeri hanno aperto la mostra “ Kyoto shinsedai ikebana ten”, con opere della nuova generazione dei maestri di ikebana.

Alle nove e quarantacinque, davanti al palazzo in stile europeo della prefettura, si sono riuniti tutti i maestri della mostra più alcuni rappresentati del comune, della prefettura e della stampa. A dispetto della leggera pioggia tutti si sono seduti sulle sedie ormai bagnate ma tenute asciutte dal continuo lavoro di alcuni addetti. Dopo il breve discorso del prefettore e dell’organizzatrice della mostra, i rappresentanti hanno inaugurato formalmente la mostra con il taglio del nastro. Le maggior parte delle opere erano disposte al secondo piano ( il primo in Italia ), alcune invece si trovavano nel giardino i215347896.jpgnterno e altre due ai lati dell’entrata del palazzo. Il tutto era un po’ confuso perché i rappresentanti giravano per le stanze con i loro fiocchi rossi rossi appuntati al petto della giacca grigia e i fotografi dei giornali facevano brillare le stanze con i loro flash.

“ Armonia tra le proprie opere e il palazzo nel quale sono ospitate valorizzando l’ambiente interno di quest’ultimo” è il tema della mostra che si può subito intuire dalle composizioni ai lati dell’entrata principale. Il benvenuto simbolico, attraente e gentile conduce il visitatore all’entrata e lo lascia in mano alle opere seguenti forse tutte collegate da un filo di calda emozione.

1506034250.jpgLa grandezza e l’imponenza della opere risalta subito all’occhio; hanno una presenza concreta e si sente subito un qualcosa di inspiegabile, quasi che le opere sapessero come toccare quella parte inconscia e più primitiva dei visitatori. I fiori e i rami, le forme e i colori, i profumi e i giochi di luce infondono movimento nelle opere già vive e presenti.

Camminando per la varie sale tutte illuminate diversamente, ci si sente come attaratti da ogni composizione, all’inizio forse non si riesce a capire o a sentire bene che cosa vogliano trasmettere. È come sentirsi allo stesso tempo, 1359325518.jpgleggermente frustrati dall’ignoranza di questa forma di comunicazione e confusi da tanta bellezza e vitalità.

Putroppo ci sono rimasto soltanto per trenta minuti, il tempo di fare alcune foto e di ricevere il foglietto della mostra. C’erano alcune maestre che presenziavano a ogni sala, purtroppo tutte chiacchieravano alacremente con gli ospiti o i familiari venuti per l’occasione.

Ikebana ( prima parte )ultima modifica: 2008-10-27T11:42:00+01:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento