Terremoto

prete.jpgQui in Giappone, ogni giorno, alla tv si vede l’annuncio delle scosse di terremoto che avvengono in ogni parte del paese. Dopo il suono di una campanella stridula, sulla parte superiore dello schermo appare la notizia con il grado del sisma e l’epicentro. In questi giorni ne ho letti due, uno al nord di Kyoto e un’altro vicino a Hokkaido. Andando a vedere le notizie su Yahoo ho potuto constatare che ogni giorno ci sono almeno due sismi superiori al secondo grado. Come prepararsi?

Ancora tredici anni fa ( il prossimo gennaio saranno quattrodici ) dopo il tremendo terremoto di Hanshin Daishinsai, la tv parlò per molto tempo di come prepararsi per un’eventuale “dopo terremoto”. Preparare le provviste per almeno una settimana e tenere sempre uno zaino con tutto l’occorrente tra cui una radio e delle bottiglie d’acqua. I telefonini non funzioneranno, come è successo in passato perché le uniche notizie si possono ottenere soltanto per la radio.

Parlando con delle signore che hanno avuto l’esperienza di vivere proprio a Kobe, l’epicentro del terremoto, mi dicono sempre di tenere a portata di mano una torcia elettrica e da bere.

Dalle notizie sui giornali italiani non sembra ci siano stati danni gravi e nessun incidente. Solo tanta paura. Ho telefonato anche ai miei che vivono a Murano ma lì la scossa non l’hanno sentita.

Spero che il Natale passi allegro e sereno per tutti in barba ai terremoti, alla crisi economica e a tutte le notizie che ci vogliono far vedere solo la parte più pesante ( che è sempre necessaria ) della vita. Passare dei momenti in famiglia, tutti presenti, dai nonni ai nipoti, crea un’atmosfera di unione, fiducia e vitalità insuperabili e indispensabili per riconfermare in noi stessi questi legami che superano il tempo e lo spazio.

Chissà quanti panettoni e pandori ci saranno nelle case pronti ad essere aperti. Al solo pensarci mi viene l’acquolina in bocca …

Terremotoultima modifica: 2008-12-24T15:17:00+01:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Terremoto

Lascia un commento