Tokyo fiancee

Il libro era li in alto sullo scaffale che mi guardava, mi sbirciava ma non ci facevo caso. Sapevo che dovevo leggerlo, l’avevo comprato circa un mese fa, ma ho sempre posticipato la mia decisione perché sapevo che il suo modo di scrivere mi irrita e mi affascina oltre che a farmi divertire. La odio ma mi piace. L’amore totale di Rinri per lei lo capisco e il suo comportamento mi hanno fatto meditare su come lui si è quasi subordinato a lei, lui molto serio e lei per divertimento. Il suo grande e insuperabile amore verso la sorella che abita in Belgio e il suo desiderio di sentire o pensare al Giappone come alla sua partia, in fondo è diventata giapponese scalando il monte Fuji. Lei che magia la cucina tradizionale giapponese e lui che prende i salamini impacchettati forse più plastica che insaccati e li intinge nella mayonese per provare l’emozione di essere libero dalle catene e tradizioni sociali. Lo sgomento di Amelie quando le offrono di mangiare un polipo freschissimo perché tagliato li proprio davanti a lei. Il suo terrore quando mette in bocca un tentacolino e questo le si attorciglia intorno alla lingua non lasciandola più scappare. Amore o affetto mescolato ad ormoni sessuali?

Mi sono accorto che durante la sua storia in Giappone con Rinri scriveva spesso perché sentiva il bisogno di farlo: mettere i pensieri sulla carta, quasi fosse un tipo di meditazione. Non so quale fosse il contenuto ma mi è sembrato un punto importante. Quando siamo in situazioni di stress o anche liberi ma in un ambiente diverso dal solito forse le persone tendono a esprimersi in modo diverso che non parlare. Scrivono, disegnano, cantano o canticchiano, muovono il corpo.

È vero che mi ha fatto vedere il Giappone e la mia vita da un punto diverso, mi ha aiutato a staccarmi e a prendere un po’ il volo. Ecco perché ogni volta che leggo i suoi libri mi sento così scosso. Mi fa venire sempre rabbia ma non so perché. Proverò a leggere altri suoi libri.

Tokyo fianceeultima modifica: 2009-09-16T14:17:57+02:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento