Elemosina

passione.jpgOsaka è una grande città o meglio una metropoli. A Umeda ci sono sempre molti fiumi di persone che scorrono sia sottoterra che sulla strada e tra i piani delle stazioni della JR e della Hankyu. Sfociano tutti sulle strade o si infilano nelle stazioni. Ogni persone cammina spesso senza guardare gli altri, visi anonimi in una giornata monotona. A volte si fermano perché qualcosa li incuriosisce allora nello scorrere del fiume si forma un ingorgo ma accade raramente.


Anch’io spesso mi affido alla corrente umana per proseguire verso la mia meta. I negozi sono sempre gli stessi, la luce e gli scalini anche anche ma ieri mi sono visto fermare. Un signore di colore dall’accento americano, per quello che ho potuto capire, si è avvicinato e mi ha chiesto un “ aiuto “ perché voleva tornare passione2.jpga Tokyo. L’ho squadrato per un secondo: aveva un giaccone grigio, un sacchetto con forse della verdura e l’aria un po’ trasandata anche se la corporatura sembrava robusta. Che fare? Gli ho dato mille yen, mi ha ringraziato, gli ho detto di farsi forza e ci siamo separati. In quel momento pensieri caotici si sono risvegliati:

” Guarda che quello fa così con tutti e in un giorno chissà quanto è riuscito a guardagnare da persone come te”.

“ Hai fatto male a dargli i soldi, è lui che si deve dar da fare “.

“ Hai fatto bene a darglieli. Anche se lui li chiede a tutti e guardagna hai comunque fatto una buona azione. Non pentirtene e fallo ancora in futuro.”

Non è stata la prima volta che ho dato dei soldi a degli sconosciuti. Mi è capitito anche all’inizio di questo mese con un senzatetto. Un po’ di carità fa sicuramente bene allo spirito. Ho ricevuto qualcosa come premio? L’orgoglio di aver aiutato, anche se minimamente, un’altra persona. E questo mi basta. Se devo, e voglio, continuare è accaduto qualcosa di più bello dopo quell’incontro.


kouyou08.jpgOgni volta che vado a Osaka vado a mangiare alla mensa del giornale Mainichi perché c’è l’insalata frasca e spesso ci sono i miei adorati pomodori. Non sempre, come ieri. Entrato nella mesa, ho preso il vassoio e mi sono diretto all’angolo insalata e ho visto che il rosso del pomodoro non c’era. “ Peccato! “, ho pensato tra me e me, ma già il fatto di aver li davanti della verdura fresca mi rincuorava. Stavo per prendere il solito piattino da riempire con quanta insalata volevo quando la solita signora in mascherina molto gentile ha chiamato uno dei cuochi e gli ha detto “ Fai presto! Taglia due pomodori! “ E poi venendo da me, “ Aspetta che stanno tagliando i pomodori! “. Questo gesto di kouyou06.jpggentilezza e la premura di quella signora mi hanno riportato nel mondo degli essere umani e mi hanno fatto ricordare quanto siano importanti le persone, venirne a contatto e parlarci. Ricambierò sicuramente al suo gesto.


Oggi invece è stata una giornata molto tranquilla. Correndo, sono riuscito a fare un giro intorno al palazzo imperiale, meno di un chilometro, senza aver il fiatone da asma e la paura che il cuore mi scoppiasse. È stata una bella sensazione quella di poter correre senza fermarsi e in più constatando che avrei potuto continuare a correre. La perseveranza premia.

Nel pomeriggio sono andato dal fotografo a far sviluppare i rullini che avevo da un po’ di tempo davanti al pc. Costa sempre caro farli sviluppare e per risparmiare non mi faccio mai far stampare le foto, non saprei proprio dove metterle. Ho avuto anche il coraggio di comprarne di nuovi ma questa volta dei positivi della Kodac che non avevo mai usato in passato.


mamme.jpgIl cielo era parzialmente nuvoloso e l’aria fresca così sono passato ancora per il giardino botanico, in mezzo agli alberi, tra gli insetti e i fotografi che ronzavano dappertutto mi sono divertito a premere il pulsante della macchina fotografica. Purtroppo ho perso l’occasione di fotografare due bambini carinissimi con le madri che si facevano in quattro per attirare l’attenzione dei pargoli. Bellissime le mamme come lo possono essere solo loro e carini i figli, la luce negli occhi dei genitori.

Elemosinaultima modifica: 2009-11-21T14:02:47+01:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento