Una coppia simpaticissima

“ Il vento “, una pizzeria sperduta per Kobe, tra le erte stradine che portano all’università posta sulla collina.

All’interno sembra di trovarsi in una casa di montagna dalle pareti di legno chiaro. Appena entrati l’occhio viene attratto da un minuscolo forno a legna, grande tanto per far cuocere sì e no una pizza. “ Dai “, il pizzaiolo muscoloso ed ex giocatore di rugby prepara le pizze con cura e massima attenzione mentre la moglie timidissima e quasi invisibile si prende cura di tutto il resto: dalle ordinazioni al tenere la porta aperta per far uscire le giovani e bellissime mamme con i pargoli in passeggino.

“ Dai “ è sempre sorridente, padre di un figlio di quindici anni, fisicamente sembra ancora uno studente dal sorriso splendente.

La pizzeria ha dodici anni di storia dominata dalla pizza americana per più di dieci anni; la conversione alla pizza italiana o meglio romana sottile e forse troppo leggera gli ha fatto fare sicuramente un salto di qualità. La marinara era eccellente e quella con i frutti di mare pure. La verdura fresca, carote e cetrioli, tagliata per lungo mi ha fatto pensare di tornarci. Sanno come prendere per la gola un vegetariano. Bravi!!!

“ Dai “ parla un pochino di italiano e non essendo molto sicuro di se è andato di sopra a prendere il dizionario tascabile. La moglie, un po’ abituata alla mia presenza lo prendeva in giro scherzando “ Ma capisci veramente cosa dice? ”. Simpaticissimi!

Lei, Naoko, tiene il timone di comando della nave a forno a legna e sembra che quest’anno abbia deciso che non si va in Italia. Ci sono stati l’anno scorso in settembre, Roma e Napoli, alla ricerca della pizza perfetta. Non hanno ancora amici italiani ma li ho esortati ad “ espandersi “ un po’ di più.

“ Dai “ voleva offrirmi il caffè ma quando ha saputo che non lo bevo ha messo subito via la macchinetta da caffè italiana dicendo: “ e io che pensavo che tutti gli italiani bevessero il caffè! “. Evidentemente si è imbattuto in un italiano che gli cambierà molte idee stereotipate e fossilizzate dai mass media e dalla pubblicità. Ogni volta forse farà male come quando si va dal dentista a farsi togliere un dente ma ho sempre in borsa tutto il necessario per fare l’anestesia locale. Non se ne accorgerà neppure.

Ogni giorno è una nuova scoperta.

Una coppia simpaticissimaultima modifica: 2010-02-02T15:47:19+01:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento