Retorica

coppiaBellissima.jpg

Nei giorni festivi Elena si sveglia sempre molto tardi e va a letto molto tardi, che sia la giovinezza oppure un’abitudine da adolescenti ( era anche una mia abitudine anche se allora il pc non c’era, o meglio avevo il mio commodore 64, tempi andati ) sono preoccupato per la sua salute. Approfittando di questa sua abitudine sono stato alla biblioteca dell’università delle belle arti per restituire un libro e prenderne in prestito altri due. Quando sono arrivato, nel cafè all’entrata stavano trasmettendo la cerimonia di laurea e vedendo la mia curiosità un padre con tanto di occhiali e di baffi mi ha portato una sedia. Ero più interessato a lui che alla cerimonia e ho provato ad attaccar bottone ma non ha funzionato, pazienza. Eppure mi sembrava una treBelleSignore.jpgpersona famosa … ma forse è solo una mia impressione molto molto leggera.

Una volta tornato a casa ho preparato il pranzo e mangiando abbiamo guardato le notizie alla tv. Oltre agli incidenti, agli omicidi e ai ciliegi in fiore, hanno trasmesso la notizia della cerimonia della consegna del diploma alle nipoti dell’imperatore e della scelta della sorella maggiore di entrare in un’università “ cristiana “ dove potrà studiare le libere arti. A quel punto tra capo e collo Elena mi treragazze.jpgfa “ Papà! ( quando mi chiama così ho sempre il cuore in gola ), che cosa sono le libere arti? Che cos’è la retorica? “ da notare che stava già leggendo la spiegazione su wikipedia. Ho provato a spiegarglielo ma anch’io ho i miei limiti così quando sono stato in libreria, oltre a chiedere del tenipuri che Elena voleva, ho chiesto anche se avevano un libro che introducesse alla retorica ma il ragazziInBici.jpgcommesso: “ mi dispiace ma non teniamo libri su come imparare la calligrafia giapponese “ ( le due pronunce sono uguali ). Può accadere ma mi sono messo a ridere da solo.

Sono uscito non solo per comprare il manga ma anche perché Elena voleva continuare a fare i compiti per casa senza nessuno che la disturbasse. Ho approffitato dell’occasione per fare delle foto in centro. Voglio abituarmi a riprendere le persone mentre camminano senza aver troppa paura o Kakkoii.jpgsoggezione e soprattutto fare attenzione a mettere bene a fuoco la scena. Ho usato anche una macchina fotografica a rullino, tutto analogico o quasi, per uscire dal digitale di ogni giorno. Tre rullini, uno positivo e due negativi in bianco e nero. Costa caro farli sviluppare ma avere i positivi sviluppati è come trovarsi davanti a una piccola finestra piena di colori, una finestra su un altro mondo.

Così una volta in bicicletta tra mille pensieri dirigendomi verso il centro, ho visto una coppia di anziani mentre faceva una passeggiata. Erano così carini, la moglie così sorridente che sono tornato indietro e ho chiesto se bambini.jpgpotevo fotografarli. Hanno accettato volentieri. È stata la fotografia più bella di oggi. Guardandoli mi sono ricordato dei miei nonni quando alla domenica andavano a fare una passeggiata fino a Rialto o alla stazione. Spesso mio nonno mi mostrava la sua collezione di vestiti e di cappotti … un bellissimo ricordo riemerso.

Una volta in centro, dopo aver comprato il manga di Elena, ho camminato con due macchine fotografiche sulle spalle e … beh ho fotografato. Persone, persone, persone. Ho fermato tre signore che in un angolo stavano decidendo dove andare “ Ma perché vuoi fare una foto a noi? Non è meglio una bella giovane ragazza? “. “ Mi piace il vostro sorriso “ ho risposto con gioia e li mi hanno lusingato dicendomi “ ma parli molto bene il giapponese … “ ogni tanto è bello sentirselo dire. Dopo questo bellissimo incontro sono riuscito a fermare anche tre giovani ragazze, quando si dice la differenza di età …

Retoricaultima modifica: 2010-03-22T13:53:00+01:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Retorica

Lascia un commento