Riscoperta

Waku, waku. Era da molto che non lo provavo così forte e grazie a S. che ho incontrato oggi, i ricordi e le esperienze dei primi anni della vita in Giappone, l’entusiasmo di scoprire qualche parola, il gesto, la pronuncia nuova si è risvegliato.

Ma più che questo sono stato felicissimo di vedere, sentire e apprezzare il lavoro di passione e di pazienza che l’insegnante di giapponese di S. ha attuato per lungo tempo. È stato come trovarsi davanti a un piccolo miracolo che vuole espandersi, che vuole cercare al di la di ciò che sa e allo stesso tempo di integrare tutto ciò che ha intorno, le esperienze che fa. La vita che pulsa e prende atto della propria nuova coscienza. Sono stato fortunato.

Le ho mostrato come sto praticando attualmente la lingua giapponese ( scrivo “lingua giapponese” ma per me ormai è la lingua … fa parte di me e io di lei … non è facile spiegarlo a parole, forse una contraddizione …) gli esercizi giornalieri che faccio e soprattutto vedere questo scambio di entusiasmo da parte di entrambi … non vorrei esagerare così mi fermo qui.

Anche oggi ho continuato a chiedere il perché di questa leggerezza nei confronti della situazione della penisola koreana e questa volta mi hanno detto: “forse molti giapponesi pensano che le due Koree non faranno la guerra, sembra controproducente. Inoltre in Giappone c’è la pace e questa sensazione di calma sembra rende le notizie di guerra quasi impensabili, lontane. Invece la notizia dell’epidemia delle mucche per cui hanno dovuto soppriemere più di centomila capi è una notizia che colpisce direttamente ( allo stomaco ) la vita della popolazione.”

Riscopertaultima modifica: 2010-05-26T17:15:17+02:00da fabiokyotese
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Riscoperta

  1. Caro Fabio,
    leggo ora il tuo blog e sono felice di scoprire che anche per te il nostro dialogo è stato interessante così come lo è stato per me! Anzi, devo proprio ringraziarti. Mi hai mostrato con la tua persona e con tutta la passione che hai messo e che hai nello studio e nell’approfondimento del giapponese che questa lingua merita attenzione e impegno. Dalle tue parole ho preso coraggio e voglia di imparare. Ancora grazie!

Lascia un commento