Il gelato e oyako don

  Anche oggi, come ogni giorno da una settimana a questa parte, è stata una giornata estiva. Il cielo è azzurro con le nuvole bianche proprio come quello che si vede nell’anime di Totoro e il caldo pure. Nel pomeriggio sono stato al guardino botanico per fare delle foto, stimolato da una foto che ho visto in un sito: http://photohito.com/photo/458176/ … Continua a leggere

I girasoli

  Con l’inizio degli esami a casa la tensione è aumentata di molto e a volte è necessario, però, per cercare di distendere e armonizzare l’atmosfera di casa ho pensato di comprare dei fiori per Elena. La fiorista è una persona simpaticissima e in passato le ho consigliato spesso qualche buon ristorante italiano. Adesso ogni volta che mi vede mi … Continua a leggere

La medicina giusta

“ il giardinaggio è la mia medicina “, mi ha detto una volta un conoscente, professore di storia della lingua giapponese. Persona forse molto timida ( potremmo fare anche a gara ), lo vedevo sempre un po’ schivo ma a volte ci incontravamo nel piccolo giardino dell’università mentre io andavo a caccia di fiori da fotografare o di angolature migliori … Continua a leggere

Passaporti e fiori

Ieri pioggia e oggi bel tempo. Alla mattina il vento era fresco e forse in maniche corte faceva anche un po’ freddo, ma durante il pomeriggio si sudava. In questi giorni andando in giro in bicicletta mi sto abbronzando le braccia ma nulla di speciale. Due giorni fa ho telefonato al consolato italiano a Osaka per avere un nuovo passaporto. … Continua a leggere

Fotografi veneziani

Anche oggi giornata di pioggia e il freddo si è rifatto sentire. Verso metà di questo mese la carta della biblioteca dell’università scadeva così sono andato per farmela rinnovare, approfittando anche della leggera pioggia che è durata per tutta la mattinata. Per il rinnovo ho pagato due mila yen e mi hanno fatto una foto per la tessera. La ragazza … Continua a leggere

Parata per tirare su il morale

Questa mattina, verso le undici, sento improvvisamente il ritornello di una canzone di Meitantei Conan provenire dalla strada. Guardo fuori e vedo delle ragazze con le bandiere, la banda, due agenti a cavallo e dietro un breve corteo di abitanti di Kamigyo-ku, il quartiere dove abito. Hanno degli striscioni con scritto “ per una città più allegra “. Mi sono … Continua a leggere

Giardino botanico e ajisai

Alla mattina il cielo era abbastanza nuvoloso ma dopo le nove il sole si è fatto sentire ma non splendente come una giornata d’estate, c’era come una specie di velo trasparente che smorzava la luce. Dopo un mese, sono riuscito ad arrivare ancora a piedi, camminando velocemente ( forse si dice podistica ) fino al lago Hirozawa. Andata e ritorno … Continua a leggere

Giardino botanico

18-06-2009( giovedì ) Leggermente nuvoloso, una quasi afa che presagiva temporali, purtroppo non avveratisi in centro città, sono stato al giardino botanico nel peno pomeriggio. In questo periodo spesso si vedono molte classi della scuola elementare che passano qualche ora nello spiazzo centrale rincorrendosi e gridando solo come i loro possono fare. Sono stato in giro tra piante, piccoli corsi … Continua a leggere

Fiori e soldi

Non si abbinano bene ma è il riassunto di ciò che mi è accaduto oggi. Era da quasi un mese che non andavo al giardino botanico e avevo il pensiero che mi girava per la testa, come una palla del pachinko, da alcuni giorni. Il cielo era permissivo, nuvoloso ma con qualche squarcio ogni tanto, la pioggia si era stancata … Continua a leggere

La ragione, il motivo, il perché

Ormai vado al giardino botanico una volta ogni due giorni solo per fotografare le rose. Che sia testardaggine, cocciutaggine, visione limitata del mondo oppure magari qualcos’altro? All’inizio pensavo al modo di fotografare cercando di usare la macchina fotografica piena di bottoni e di funzioni. Psiù che una macchina fotografica sembra un computer in miniatura con una grossa lente attaccata. Che … Continua a leggere